English language
newsletter

Giuseppe Cederna

Genere: Performing Arts - Teatro, Poesia & Cabaret

  • Photo
  • Video
  • Audio

Scarica Flash Player per vedere il filmato

Flash Player versione 9.0.0.0 o superiore necessario per questo sito.
Click qui per aggiornare il tuo Flash Player.

Progetti

IL VIAGGIATORE INCANTATO

Giuseppe Cederna, voce recitante

con

Alberto Capelli, chitarre e sitar

 

Download scheda

Alberto Capelli ALKORD

UN' ALA DI RISERVA

Da un'idea di
Michele Lobaccaro
con
Giuseppe Cederna, voce recitante
e
Michele Lobaccaro, chitarra, voce, percussioni
Fabrizio Piepoli, voce, basso, percussioni, elettronica
Alessandro Pipino, piano, fisarmonica, percussioni, voce

"Un'ala di riserva" è probabilmente la poesia più conosciuta di Don Tonino Bello, un testo che, come altri suoi scritti, ha colpito l'animo di Michele Lobaccaro dei Radiodervish, fino a suggerirgli l'idea di dare vita ad un'opera che prenda il titolo proprio da questa stessa poesia.
Lo spettacolo è un percorso che si sviluppa sotto forma di messa laica attraverso i canti canonici della liturgia in latino e brani originali composti da Michele Lobaccaro , le letture emozionanti e struggenti di Giuseppe Cederna tratte da pagine di Don Tonino e proiezioni video.
Ne risulta un omaggio ispirato a Don Tonino Bello, vescovo di Molfetta impegnato in prima linea per la pace e la lotta ad ogni forma di emarginazione, e un progetto di teatro musicale che va a rinvigorire la produzione sacra della canzone popolare.
Infatti, la suggestione musicale è data dall'uso raffinato di sonorità mediterranee, etniche che incontrano i testi liturgici in latino e le canzoni in italiano ispirate agli scritti più poetici di Don Tonino Bello.
La riflessione portante dello spettacolo, invece, è un'indicazione dello stresso vescovo di Molfetta: la messa dovrebbe metterci in crisi ogni volta e che ci dovrebbe scaraventare fuori, allontanarci dalla ripetizione del già visto per orientarci verso l'inedito. Perché, come scriveva don Tonino: "la pace è finita, andate a messa; perché se vai a messa è finita la tua pace".
Tra le composizioni originali di Michele Lobaccaro, emergono "Auguri scomodi" , composta assieme al rapper Caparezza e ispirata ad un discorso di Don Tonino Bello in occasione delle celebrazioni del Natale, e "Donna di frontiera", salmo rivolto non solo alla forza e dolcezza di Maria ma a quella di ogni madre-coraggio pronta a superare ogni confine per il proprio bambino.
Un'Ala di Riserva è una pubblicazione in libro con CD (La Meridiana, 2011) e ha debuttato come spettacolo teatrale per l'edizione 2011 del Festival della Letteratura di Mantova.

DURATA: 80'

Download scheda

RESISTENZA: LA BANDA TOM E ALTRE STORIE PARTIGIANE

 

RESISTENZA: la BANDA TOM e altre STORIE PARTIGIANE

concerto e lettura scenica tra Storia e Memoria


Recital di canzoni e spettacolo teatrale di lettura scenica dedicato alla Resistenza e alla Liberazione (disponibile in due versioni - con e senza ospiti - ed eventualmente in versione speciale per le scuole).

Immagini d'epoca e artistici video-clip (opera di Ivano A. Antonazzo), canzoni tradizionali come Festa D'Aprile, Dalle Belle Città, The Partisan, Bella Ciao (ecco questa versione particolare al link: http://www.youtube.com/watch?v=BeSKMY6N2_0 ) e brani originali sul tema (contenuti in un cd e dvd dal titolo "Resistenza"), ospiti che si alternano sul palco (di volta in volta Fabrizio Pagella, Luca Olivieri, The Gang, Giuseppe Cederna, Paolo Bonfanti e altri ancora), letture tratte da opere di Beppe Fenoglio, Wu Ming, Primo Levi e testimonianze di chi ha vissuto quegli anni di "lotta e speranza" per un viaggio emozionante nella nostra memoria e nella nostra storia.

YOYO MUNDI

QUEL GRAN PEZZO DELL'ITALIA. CRONACHE DI UN PAESE PROVVISORIO

"Quel gran pezzo dell'Italia" cronache di un paese provvisorio

di Edmondo Berselli
Adattamento a cura di Marzia Barbieri Berselli e Andrea Quartarone
con
Giuseppe Cederna, narratore
Chester Harlan, chitarra

Reading con musica dal vivo
Durata: 60 minuti

"Quel gran pezzo dell'Italia" è uno spettacolo tratto dalle opere di Edmondo Berselli. Da "Il più mancino dei tiri" a "Quel gran pezzo dell'Emilia" all'"Economia giusta", tutti gli scritti di Edmondo concorrono in vario modo e misura a comporne il testo. L'intento è quello di raccontare l'Italia, dal secondo dopoguerra a oggi o, per dirla alla Berselli, dalla modernizzazione ai post-italiani.

 

"Io sostengo che la memoria è l'unica cosa che conta nella vita. L'unica. Memoria nel senso di vita partecipata e vissuta, sentimento di un passato condiviso. Ma anche sforzo mnemonico, gioco di società, ricostruzione individuale e collettiva di nomi, di avvenimenti, di date. Anche di canzoni. Memoria, anche come massimo criterio organizzativo che sia possibile - e pure consigliabile - applicare in questa valle di lacrime."

 

Download scheda

DAL SUBLIME ALL'ORRORE. L'ULTIMA ESTATE DELL'EUROPA

Dal Sublime all’Orrore

L’ultima estate dell’Europa

 

dedicato ai 100 anni dalla Grande Guerra

A cura di Augusto Golin e Giuseppe Cederna

 con

Giuseppe Cederna

Musiche dal vivo di

Alberto Capelli, chitarre

Mauro Manzoni, flauti e sassofoni

 

Monologo con musica dal vivo

 

Durata: 80 minuti

Download scheda

Alberto Capelli ALKORD

RICHIESTA INFORMAZIONI & BOOKING

COMPILA IL SEGUENTE MODULO PER RICHIEDERE INFORMAZIONI.

 

 

Code Image

Carica nuovo codice
Il codice visualizzato fa distinzione tra le lettere maiuscole e minuscole

Le informazioni contrassegnate da * sono obbligatorie.



BIOGRAFIA

Giuseppe Cederna, nato nel 1957 a Roma, di origini valtellinesi, è attore di cinema e teatro. Inizia la sua carriera come attore teatrale e nel 1977 fonda la Compagnia Anfeclown, dove si metterà in luce per una comicità surreale e principalmente fisica. Collabora con il Teatro dell'Elfo in "Sogno di Una Notte d'Estate", regia G. Salvatores, poi è la volta di "Amadeus" di P. Shaffer regia di M. Missiroli, "il Giardino dei Ciliegi" di A. Cechov regia di G. Lavia, "La Febbre" di W. Shawn e regia di G. Gallione, "Tacalabala, il racconto del calcio" regia di G. Gallione, "Il Grande Viaggio" tratto dal suo omonimo libro sul racconto di un pellegrinaggio alle sorgenti del Gange. Con "Il Viaggiatore Incantato" Giuseppe Cedernacontinua a raccontare in teatro le sue esperienze e passioni dal viaggio alla poesia ed alla letteratura.

Negli Anni Ottanta inizia la sua carriera cinematografica partecipando a vari film tra cui La famiglia  di E. Scola, Marrakech Express   di G. Salvatores, Italia - Germania 4-3 di Andrea Barzini, Il viaggio di Capitan Fracassa  E. Scola ; Mediterraneo di G. Salvatores, Il partigiano Johnny di G. Chiesa, El Alamein di E. Monteleone,  Aspettando il sole di A. Panini, Diverso da chi?  di U. Carteni, Nine di R. Marshall, Maschi contro femmine e Femmine contro Maschi di F. Brizzi. Nel 2012 interpreta Ardito Desio per la miniserie RAI “K2 – La Montagna degli Italiani”.

Attore e  viaggiatore,  Cederna dalla fine degli anni Novanta si dedica anche alla scrittura: Il grande viaggio, Feltrinelli e Ticino. Le voci del fiume, storie d'acqua e di terra, Excelsior 1881. Nella primavera 2011 è uscito per Feltrinelli “Piano Americano”.

 

IL VIAGGIATORE INCANTATO
-------------------------------

ORA ANCHE IN RADIO! ASCOLTA QUI IL PODCAST 

Dalle sorgenti del Gange alle montagne della Valtellina. Il fuoco dei bivacchi sotto le stelle e le poesie. Le parole giuste che illuminano la strada e riscaldano il cuore. La poesia è leggera, occupa poco spazio, si può piegare, infilare in tasca e recitare sulla strada camminando. La lingua della poesia è universale. La poesia unisce i viaggiatori, alleggerisce il cammino e riscalda il vento freddo dell'alba. Tom Waits, Bob Dylan, Constantino Kavafis, Wislawa Szimborska, Raymond Carver, Pier Paolo Pasolini, Rainer Maria Rilke, Nazim Hikmet, Ezra Pound, Pablo Neruda, Tiziano Terzani... lo stupore, la tenerezza, il dolore e la gioia di stare nel mondo.

E' solo un caso o c'è un Dio che si diverte a darci lezioni di danza in giro per il mondo?

Anche un viaggio nasce, cresce, invecchia e poi muore. Ma appena nato è già grande. Capace di usare la testa, di farci e disfarci a suo piacimento.