English language
newsletter

Fabio Morgera

Genere: Jazz - International Artists
Visit & listen: www.fabiomorgera.com

  • Photo
  • Video
  • Audio

Scarica Flash Player per vedere il filmato

Flash Player versione 9.0.0.0 o superiore necessario per questo sito.
Click qui per aggiornare il tuo Flash Player.

Progetti

NEAPOLITAN HEART BAND

On Record:

Fabio Morgera (tr.) Stacy Dillard (sax), Gary Valente e Jason Jackson (tbn), Christos Rafalides (vibes), Craig Hartley (pno), Gregg August e Gianluca Renzi (bass), EJ Strickland batteria, Antonio Barbagallo, voce

Live On Tour 2010:
Fabio Morgera (tr.) Bob Bonisolo (sax), Roberto Rossi (tbn), Andrea Pozza (pno), Gianluca Renzi (bass), Rudy Royston (drms)

NEED FOR PEACE

Fabio Morgera (tr. Christos Rafalides (vibes) Gianluca Renzi (bass) Walter Paoli (drums)

TURBULENCE

Di formazione variabile, il trio/quartetto TURBULENCE propone il  Freejazzfunk, dove Morgera alterna del sanguigno Jazzfunk  alla free "conduction" appresa da Butch Morris.

MANHATTAN TRIO

Fabio Morgera, trumpet

Gianluca Renzi, bass

Kim Thompson, drums

RICHIESTA INFORMAZIONI & BOOKING

COMPILA IL SEGUENTE MODULO PER RICHIEDERE INFORMAZIONI.

 

 

Code Image

Carica nuovo codice
Il codice visualizzato fa distinzione tra le lettere maiuscole e minuscole

Le informazioni contrassegnate da * sono obbligatorie.



ascolta Colors su Deezer.com

Dopo 20 anni vissuti a New York, il bagaglio di esperienze musicali di grande livello fa di Fabio Morgera una delle più notevoli realtà del panorama jazz dei nostri giorni. Il trombettista, compositore e arrangiatore Fabio Morgera approda ora all'etichetta EmArcy con "Neapolitan Heart".

Morgera qui ci offre puro modern jazz newyorkese, ispirato da materiale tematico di tutt'altra estrazione musicale: la grande tradizione musicale della sua citta natale, Napoli. Solista ormai padrone assoluto tanto della tecnica del suo non facile strumento che del linguaggio del miglior jazz contemporaneo, Morgera si conferma arrangiatore di prim'ordine: la sfida di reinventare la tradizione napoletana e di recuperare temi tanto famosi e caratterizzati al jazz si mostrava ardua. L'idea poteva sembrare non nuova: ma evitare le pastoie di soluzioni posticce e di prestiti musicali incongrui era un obiettivo di non facile conseguimento. E invece... si ascolti Reginella: delicato e nostalgico, il brano si snoda sulla falsariga di un arrangiamento semplice, ma efficacissimo, e la poesia del tema non è andata perduta. E lo stesso si ripete anche in casi di brani affrontati con piglio più brioso (O paese d'o'sole), o perfino una non trattenuta drammaticità (Canzone appassiunata). Morgera come arrangiatore fa centro, offrendoci un album indubbiamente napoletano, sicuramente bop.